QUEL “PESCE ROSSO" CHE TI STUZZICA...

/
1 Comments
Amo leggere. Leggo tanto, anche se su questo blog non parlo di libri quanto vorrei. Anzi, lo faccio poco o nulla. Probabilmente perché non sono un critico letterario, né posso permettermi di addentrarmi in analisi psico-semiotiche di vario genere.


Quando trovo un libro di uno scrittore esordiente che mi stuzzica, però, penso sia carino e giusto segnalarlo.


Il libro di cui vi parlo è “L’inafferrabile Weltanschauung del pesce rosso” scritto da Fabrizio Gabrielli, giovane blogger di Rossopesce (dove potete trovare tutte le notizie riguardanti il libro) e di Monolocale in centro, foodblog condiviso insieme a Chiara. E’ un mio concittadino, ma non è un commento di parte. Di libri di scrittori di Civitavecchia ne ho letti altri e se non ve li ho segnalati non è per questione di tempo…


Non è un romanzo. Si tratta di una raccolta di racconti brevi (genere non molto “di moda” nel nostro paese) che analizzano con sognante lucidità il mondo che ci circonda. Lo stile di scrittura di Gabrielli incarna perfettamente l’andamento di un pesce rosso: guizza da una riga all’altra della pagina in modo vivace, mai noioso e sempre pronto a strappar un sorriso (o una lacrima) al momento opportuno. E dopo tre secondi dimentica tutto, ricominciando una nuova avventura. Eccola la Weltanschauung (in tedesco: visione del mondo) del pesce rosso.


Nel percorso che compie l’autore dimostra una notevole fantasia e capacità nel cambiare registro, non disdegnando “contaminazioni” linguistiche snelle, agevoli, mai pompose o inutili.


Quanto alle storie, beh, quelle le lascio a voi lettori. Mi basta dirvi che avventurandovi nei racconti Gabrielli piangerete per amati abbandonati, vi ritroverete catapultati in atmosfere antiche, assaporerete il gusto di un amore che nasce di fronte ad un gustoso piatto e riderete nell’andare, per esempio, ad un derby di calcio…
martedì 5 agosto 2008


Related Posts

1 commento:

Andrew ha detto...

libro sicuramente interessante

Ciao Damiano